Concorsi scuola 2019: facciamo chiarezza. Date, requisiti d’accesso, titolo di merito e struttura delle prove.

Concorsi scuola 2019: facciamo chiarezza. Date, requisiti d’accesso, titolo di merito e struttura delle prove.

Sono tre i bandi attesi per i prossimi mesi, uno per la scuola dell’infanzia e primaria gli altri due per le scuole secondarie di I e II grado.

Per la scuola secondaria l’uscita del bando di concorso, come confermato dal Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, era prevista per luglio 2019, tuttavia a causa delle ultime novità introdotte dall’accordo Miur-sindacati sulla stabilizzazione dei precari storici è stato necessario un rinvio.

  • Bando concorso ordinario scuole infanzia e primaria:

Già pubblicato il decreto sulla G.U. venerdì 19 luglio.

– Requisiti d’accesso: abilitazione all’insegnamento  conseguita  presso  i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito  all’estero  diploma  magistrale  con  valore  di  abilitazione  e  diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli  istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero  e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente,  conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.

– Posti disponibile: 17 mila

– Struttura delle prove: Questo concorso partirà con una prova preselettiva, una serie di domande a risposta multipla volte a testare le capacità logiche e di comprensione del testo, oltre a verificare la conoscenza della normativa scolastica.

Successivamente è prevista una prova scritta che per chi concorre per i posti comuni è composta da due quesiti a risposta aperta con una trattazione articolata di tematiche disciplinari, culturali e professionali, finalizzati all’accertamento delle conoscenze e competenze didattico-metodologiche in relazione alle discipline oggetto di insegnamento nella scuola primaria e ai campi di esperienza nella scuola dell’infanzia.

A completamento della selezione è prevista una prova orale finalizzata ad accertare il grado di preparazione del candidato nella materie indicate dal decreto.

– Valutazione dei titoli: titoli di merito (pubblicazioni, master 1500 ore 60 CFU)

– Data uscita bando: entro la fine di luglio

  • Bando concorso straordinario scuole secondarie di I e II grado:

Miur e sindacati hanno da poco raggiunto un accordo per la stabilizzazione dei docenti precari con almeno 3 anni di servizio, prevedendo per loro un’apposita procedura concorsuale e dunque, di seguito tutte le informazioni:

– Requisiti d’accesso: Laurea + 3 annualità di servizio.

Le 3 annualità di servizio, anche non continuative, su posto comune ed anche sul sostegno negli ultimo 8 anni scolastici. No 24 CFU.

– Posti disponibile: 24 mila

– Struttura delle prove: prova scritta computer-based (con punteggio minimo per il superamento della stessa) e prova orale (non selettiva, utile solo ai fini della redazione della graduatoria).

– Valutazione dei titoli: titoli di servizio (con punteggi più alti assegnati a coloro che hanno svolto più anni di supplenza), titoli di merito (pubblicazioni, master 1500 ore 60 CFU)

– Data uscita bando: entro la fine 2019

  • Bando concorso ordinario scuole secondarie di I e II grado:

– Requisiti d’accesso: Laurea + 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche)

– Posti disponibile: 24 mila

– Struttura delle prove: Questo concorso partirà con una prova preselettiva, una serie di domande a risposta multipla volte a testare le capacità logiche e di comprensione del testo, oltre a verificare la conoscenza della normativa scolastica.

Successivamente è prevista una prova scritta che per chi concorre per i posti comuni è composta da due quesiti a risposta aperta con una trattazione articolata di tematiche disciplinari, culturali e professionali, finalizzati all’accertamento delle conoscenze e competenze didattico-metodologiche in relazione alle discipline oggetto di insegnamento nella scuola primaria e ai campi di esperienza nella scuola dell’infanzia.

A completamento della selezione è prevista una prova orale finalizzata ad accertare il grado di preparazione del candidato nella materie indicate dal decreto.

– Valutazione dei titoli: titoli di merito (pubblicazioni, master 1500 ore 60 CFU)

– Data uscita bando: entro la fine 2019.

La riforma del reclutamento prevede che i candidati concorrano per un’unica regione e per una sola classe di concorso, distinta per il primo e il secondo grado, nonché per il sostegno.

Le assunzioni inizieranno dal mese di settembre 2020.

Per maggiori informazioni sui titoli di merito che consentono di acquisite un notevole vantaggio competitivo nella graduatoria concorsuale, non esitare a contattarci. Clicca quì troverai tutti i nostri riferimenti.